Studi sulla terapia domiciliare ad alti flussi per la BPCO

Scopri i risultati più significativi della recente ricerca clinica sui meccanismi d’azione della terapia domiciliare ad alti flussi e i risultati clinici nei pazienti con BPCO.

Quali sono i benefici clinici della terapia domiciliare ad alti flussi?

Quali sono i benefici clinici della terapia domiciliare ad alti flussi?

I benefici clinici della terapia domiciliare ad alti flussi (HFT) prevedono:

Miglioramento della gestione delle secrezioni1

Comfort per il paziente (grazie all'erogazione per via inalatoria di un flusso di gas riscaldato e umidificato)

Riduzione della dispnea durante l'esercizio fisico ad alta intensità2-4

Miglioramento del respiro/respirazione e riduzione del lavoro respiratorio (WOB) 5

Nei pazienti affetti da BPCO con insufficienza respiratoria ipossiemica, la terapia ad alti flussi (HFT) ha i seguenti effetti 6,7:

Riduzione delle esacerbazioni acute della BPCO (AECOPD)

Riduzione del tasso di ospedalizzazione e sintomi, allontanando il tempo di comparsa della prima esacerbazione

Miglioramento della qualità di vita del paziente (QoL)

HFT per uso domiciliare

trattamento-ad-alto-flusso-lumis-HFT-ResMed-halfclipped mobile

I componenti principali della HFT includono: un miscelatore di aria-ossigeno (con o senza ossigeno), un generatore di flusso, un sistema di riscaldamento, un umidificatore, un circuito respiratorio riscaldato (per prevenire la condensa) e, nel caso della HFT nasale, una cannula nasale morbida non occlusiva. L’HFT eroga aria calda e umidificata, con o senza ossigeno supplementare, ad un flusso più elevato rispetto alla sola LTOT6,7,8 . L’HFT è adatta all’uso domiciliare, poiché i dispositivi utilizzati a domicilio non richiedono l’erogazione di ossigeno a muro ad alta pressione, l’umidificatore è posizionato all’interno e il design facilita il funzionamento e le operazioni per l’uso domiciliare.

Indicazioni per la terapia domiciliare ad alti flussi

trattamento-ad-alto-flusso-lumis-HFT-ResMed-quotidianità-Giappone mobile

Sulla base dei primi risultati disponibili, l’HFT domiciliare è indicata per l’uso in pazienti affetti da BPCO a cui è stata prescritta l’ossigenoterapia a lungo termine (LTOT), o in pazienti che non necessitano di LTOT ma che hanno problemi di gestione delle secrezioni1,6 .

L’HFT è semplice e facile da usare e offre benefici sia clinici, sia risultati finali positivi per l’uso domiciliare nei pazienti affetti da BPCO. L’HFT è attualmente utilizzata nell’assistenza ospedaliera per patologie acute negli adulti e sta emergendo come terapia domiciliare a lungo termine nei pazienti affetti da BPCO 6,7.

Meccanismi d'azione e benefici clinici

L’HFT funziona attraverso molteplici meccanismi, tra cui la gestione della clearance mucociliare e delle secrezioni, e una migliore meccanica respiratoria che riduce il WOB e migliora il comfort del paziente1,5,11,12,13.

Risultati e benefici per il paziente

L’HFT utilizzata a domicilio riduce l’esacerbazione acuta e il tasso di ospedalizzazione nei pazienti con BPCO6,7 e migliora i sintomi come la ritenzione di muco1, la tosse1 e la dispnea durante l’esercizio fisico ad alta intensità2-4, mantenendo o migliorando il QoL del paziente rispetto alle cure abituali6,7.

Comfort del paziente e qualità della vita

qualita-della-vita-trattamento-alto-flusso-lumis-HFT-ResMed 650x500

I pazienti con BPCO che ricevono l’HFT domiciliare a lungo termine hanno mostrato un punteggio della QoL conservato o migliorato rispetto ai soggetti che ricevono le cure abituali, compresa la sola LTOT6,7. L’HFT sembra essere ben tollerata anche dai pazienti7 e assicura il comfort del paziente migliorando la gestione della clearance mucociliare e delle secrezioni1 e riducendo la dispnea durante l’esercizio fisico ad alta intensità2,4.

Maggiori informazioni sulla terapia ad alti flussi domiciliare

Lumis™ HFT

Il dispositivo ResMed per la terapia domiciliare ad alti flussi assicura una terapia confortevole nei pazienti affetti da BPCO ed è facile da configurare e da utilizzare.

Maggiori informazioni sulla terapia ad alti flussi domiciliare

Bibliografia:
1. Hasani A, et al. Domiciliary humidification improves lung mucociliary clearance in patients with bronchiectasis. Chron Respir Dis 2008;5:81-86.
2. Cirio S, Piran M, Vitacca M, Piaggi G, Ceriana P, Prazzoli M, et al. Effects of heated and humidified high flow gases during high-intensity constant-load exercise on severe COPD patients with ventilatory limitation. Respiratory Medicine 2016;118:128–32.
3. Neunhäuserer D, Steidle-Kloc E, Weiss G, Kaiser B, Niederseer D, Hartl S, et al. Supplemental Oxygen During High-Intensity Exercise Training in Nonhypoxemic Chronic Obstructive Pulmonary Disease. The American Journal of Medicine 2016;129(11):1185–93.

4. Chatila W, Nugent T, Vance G, Gaughan J, Criner GJ. The Effects of High-Flow vs Low-Flow Oxygen on Exercise in Advanced Obstructive Airways Disease. Chest 2004;126(4):1108–15.
5. Fraser JF, et al. Nasal high flow oxygen therapy in patients with COPD reduces respiratory rate and tissue carbon dioxide while increasing tidal and end-expiratory lung volumes: a randomised crossover trial. Thorax 2016;71:759-761.
6. Storgaard LH, et al. Long-term effects of oxygen-enriched high-flow nasal cannula treatment in COPD patients with chronic hypoxemic respiratory failure. Int J Chron Obstruct Pulmon Dis 2018;13:1195-1205.
7. Rea H, et al. The clinical utility of long-term humidification therapy in chronic airway disease. Respir Med 2010;104:525-533.
8. Nagata K, Kikuchi T, Horie T, Shiraki A, Kitajima T, Kadowaki T, et al. Domiciliary High-Flow Nasal Cannula Oxygen Therapy for Stable Hypercapnic COPD Patients: A Multicenter, Randomized Crossover Trial. Annals of the American Thoracic Society. 2017.
9. Elshof J, Duiverman ML. Clinical Evidence of Nasal High-Flow Therapy in Chronic Obstructive Pulmonary Disease Patients. Respiration 2020;99:140-153.
10. Nishimura M. High-Flow Nasal Cannula Oxygen Therapy in Adults: Physiological Benefits, Indication, Clinical Benefits, and Adverse Effects. Respir Care 2016;61:529-541.
11. Vogelsinger H, et al. Efficacy and safety of nasal high-flow oxygen in COPD patients. BMC Pulm Med 2017;17:143.
12. Biselli P, Fricke K, Grote L, Braun AT, Kirkness J, Smith P, et al. Reductions in dead space ventilation with Nasal High Flow depend on physiologic dead space volume – Metabolic hood measurements during sleep in patients with COPD and controls. European Respiratory Journal. 2018.
13. McKinstry S, Pilcher J, Bardsley G, Berry J, Van de Hei S, Braithwaite I, et al. Nasal high flow therapy and PtCO2 in stable COPD: A randomized controlled cross-over trial. Respirology. 2017.